Boston: la culla d’AMERICA

Sognavo questa città da tanto e finalmente sono riuscita a viverla seppur per pochi giorni!

Un perfetto connubio tra passato e futuro, tra l’America e l’Europa. Questa è Boston. Gli americani hanno dato mille soprannomi a questa splendida città: “La Porta d’America” o “l’Atene d’America”, o ancora “La Culla d’America”. Quello preferito dai bostoniani è “The Hub”, ovvero il centro di tutto.

E a ben vedere Boston è sempre stata al centro di tutto: della Storia Americana, della guerra d’indipendenza, della vita culturale e accademica del Paese. I grattacieli e gli eleganti edifici in mattoni rossi si fondono perfettamente e la rendono una città unica, la più europea degli States. Talvolta sembra di essere a Londra o in qualche villaggio inglese, con le case basse fatte di mattoni rossi, i vicoli stretti e le birrerie agli angoli delle strade.

È la Walking City per eccellenza della Nazione, grazie a un’area cittadina compatta e a un sistema di trasporti metropolitani estremamente facile da utilizzare. E’ facile da esplorare, ci si sente a proprio agio per le sue vie.

Ed è fantastico passare da un quartiere all’altro, girare l’angolo e trovarsi da Downtown a Beacon Hill, dal Waterfront al North End, dal Theatre District a Chinatown. In tutta la zona urbana sono stati progettati percorsi pedonali che attraversano le aree più importanti di Boston e i suoi parchi. Il più famoso è il Freedom Trail in un percorso pedonale lungo circa 5 km che si snoda in centro e collega molti dei principali punti di interesse della città e che ripercorre la storia americana.

 

Facciamo una passeggiata virtuale insieme tra i boroughs più noti della città *_*

 

Downtown

Downtown ha la capacità di stupire, incantare, deliziare. Affettuosamente ribattezzata “Beantown” dai suoi abitanti, il centro di Boston è insieme moderno e pittoresco. Ci si ritrova tra moderni grattacieli, raffinati musei, antichi cimiteri e il bellissimo Freedom Trail, la passeggiata in mattoni rossi fra i siti storici della città. Il Paramount Theatre è stato il primo teatro di Boston a proiettare film e a ospitare le performance dell’Emerson College. Su Washington Avenue, invece, incontrerete il prestigioso edificio del Boston Opera House, che ospita regolarmente gli spettacoli del Boston Ballet. Quando poi si ha voglia di isolarsi dal viavai di gente, ci si può rilassare al Boston Public Garden, oppure al Boston Common, il parco più antico d’America.

 

Back Bay

L’esclusivo quartiere di Back Bay, situato lungo le sponde del Charles River, a ovest di Downtown, è una delle zone più cariche di fascino ed eleganti di Boston: qui trovate ampi viali alberati, su cui si affacciano boutique, ristoranti con tavolini all’aperto, gallerie d’arte, dimore signorili e chiese dall’architettura particolarmente elaborata e raffinata. Tra le tante attrazioni della zona ci sono la John Hancock Tower, l’edificio più alto di Boston, la bellissima Copley Square, la Prudential Tower e lo stadio di baseball Fenway.

 

Beacon Hill

Antichi lampioni a gas, strade curatissime, facciate delle case risalenti al 19°secolo, cancelli impeccabili nella indiscutibile raffinatezza del ferro battuto, particolari di ottone sulle porte: ogni dettaglio di questo quartiere bostoniano giura fedeltà allo stile originario e questa peculiarità lo rende un luogo estremamente affascinante. Sembra un piccolo borgo inglese in collina, dove il tempo pare essersi fermato, dove passeggiare tra gli stretti vicoli acciottolati, botteghe di prodotti artigianali e ristorantini dall’atmosfera intima e familiare.

 

North End

Che sia il quartiere più antico di Boston lo si nota immediatamente: pittoreschi vicoli acciottolati e vecchi edifici caratterizzano questo quartiere che si estende davanti al porto, a nord di Downtown. E se durante il viaggio avete nostalgia di casa, questa è la zona ideale: trovandosi di fronte al porto, questo è da sempre il quartiere degli immigrati e da oltre 150 è diventata la casa della comunità italiana. I sapori del Bel Paese riempiono le gelaterie, i mercati e i ristoranti e i café con tavoli all’aperto, che si concentrano per lo più lungo Hanover e Salem Street.

Il fascino particolare di North End si ritrova in ogni strada, anche in quelle piccole e buie dove i raggi del sole arrivano timidamente, soprattutto nelle giornate invernali.

 

South End

Uno dei quartieri più belli di Boston e uno dei suoi quartieri più diversi culturalmente, il South End ha una ricca storia.

Le strade alberate sono ornate da case a schiera di mattoni circondate da cancelli di ferro battuto e costruite intorno a una serie di parchi tascabili ombreggiati, molti con eleganti fontane. Nel 1973, il South End è stato inserito nel National Register of Historic Places come “il più grande quartiere vittoriano urbano del Paese”.

 

Downtown Waterfront

È di certo la zona più panoramica, dove si ha accesso ad una miriade di attrazioni e attività: in traghetto si può raggiungere il Boston Harbour Islands National Park e arrivare persino al Logan International Airport con le navette sull’acqua.

Per chi vuole rimanere sulla terraferma, c’è la passeggiata panoramica Boston Harborwalk che costeggia il porto con tanti spazi verdi e piste dove camminare, andare in bicicletta o fare jogging. Per le famiglie ci sono l’Acquario, il Children Museum e i tour guidati su antichi vascelli, oggi trasformati in musei.

Alle vostre spalle spuntano i grattacieli del Financial District: un colpo d’occhio bellissimo!

 

Chinatown

Si trova tra Downtown Crossing ed il South End, è la terza Chinatown più grande del Paese e una tra le più antiche. Il quartiere cinese è una zona vivace, piuttosto centrale e ben collegata a tutte le attrazioni e gli altri quartieri della città. Rappresenta di certo un ottimo compromesso per chi non vuole alloggiare troppo lontano da Downtown ma al tempo stesso preferisce una sistemazione più economica e in un contesto caratteristico, fatto di piccoli vicoli dominati da insegne variopinte, bancarelle ai lati della strada e lanterne rosse.

 

Charlestown

Inizialmente comune a sé stante, annesso alla città di Boston soltanto alla fine dell’Ottocento, questo quartiere sorge sulle sponde del fiume Charles (a cui ruba, ovviamente, il nome), lungo il quale è ormeggiata la più antica nave da guerra della Marina statunitense, la USS Constitution, varata nel 1797 e soprannominata “Old Ironsides”. La presenza di questa storica principessa del mare è simbolo della vocazione di Charlestown, regno della ingegneria navale e della sua tradizione, ben visibile in quello che rappresenta il più importante cantiere navale del Paese: il Charlestown Navy Yard.

Incastonato tra la zona del porto e il Mystic River, il quartiere, soprannominato “The Town”, è ricco di storia e attrae schiere di visitatori impazienti di visitare il suoi monumenti e le sue strade dall’inconfondibile piglio Irish.

 

Cambridge

Al di là del fiume Charles c’è Cambridge dove si trovano due delle più importanti università del mondo, il MIT(Massachusetts Institute of Technology) e la prestigiosa e famosissima Harvard University con il loro fiume di giovani studenti che animano gli enormi campus.

 

Il Boston Harbor poi è punteggiato da una manciata di pittoresche isole che formano il Boston Harbor Islands National Recreation Area. Nonostante siano così vicine a Boston, la sensazione di trovarsi in un area disabitata è forte, non fosse per lo skyline urbano che pare una cartolina e che ricorda ai visitatori che la storia di queste perle circondate dall’acqua sia indissolubilmente intrecciata a quella della città.

 

Boston ha la capacità di stupire, incantare, deliziare

Meraviglia: me ne sono innamorata pazzamente!! *_*

E voi ci siete mai stati a Boston?